SPECIALE
a cura di Manuel Sgarella

Al Cartoon Forum anche un regista varesino
Incontro con Giorgio Ghisolfi che ha lavorato con i più grandi nomi dell'animazione italiana, da D'Alò a Manuli. "Blurt City" è il nome del progetto che sta suscitando molto interesse in questi giorni
(19 settembre 2003)

Speciale Cartoon Forum

bianco2.gif (812 byte)

Televisione - Dietro l'animazione dell'irriverente personaggio degli anni '70 c'è il regista varesino Giorgio Ghisolfi, conosciuto in tutto il mondo per la pubblicità animata della birra Ceres

Torna in televisione il "Golosastro" della Girella. Targato Varese

Torna in televisione "Golosastro", il mitico personaggio animato che pubblicizzò la Girella negli anni '70 e che faceva ridere non poco i bambini di vent'anni fa con la sua irriverenza e sfortuna, vittima della ingenua cattiveria dei bambini. Golosastro torna con una firma tutta varesina. I nuovi spot della Girella, infatti, della durata di 10 secondi e trasmessi in questi giorni sulle reti nazionali, sono stati diretti e realizzati da Giorgio Ghisolfi, varesino già noto in tutto il mondo per aver creato e diretto lo spot animato della birra Ceres. Spot che ha raccolto diversi premi e riconoscimenti a livello intrnazionale. Ghisolfi era presente con un proprio progetto anche al recente Cartoon Forum, il mercato europeo dei cartoni animati, che si è svolto l'autunno scorso alle Ville Ponti a Varese.

Queli ruoli ricopri nella realizzazione di questi filmati che fanno tornare in vita lo storico "Golosastro"?
«Girella e Buondì sono due marchi ex Motta ora acquistati e rilanciati dal Gruppo Bistefani. Per la merendina Girella l’azienda ha pensato di rispolverare il Golosastro, personaggio mitico delle pubblicità anni 70, incaricando l’agenzia “Enfants Terribles “ di Milano di inventare una serie di 4 film animati da 10 secondi l’uno. A sua volta Enfants Terribles ha incaricato la casa di produzione “ I’M productions” di svolgere il lavoro e quest’ultima ha delegato a me la regia e l’animazione. A fronte di una idea creativa molto semplice e nonostante i tempi brevissimi del racconto (5secondi +5 di prodotto) ho voluto articolare ciascun film in varie inquadrature, ottenendo un ritmo velocissimo in linea con i videogames ai quali è abituato il pubblico infantile. Ogni inquadratura, per quanto breve, è curata fin nei minimi dettagli, con effetti di ombre, di luci e di spostamenti tridimensionali della macchina da presa. Ho inoltre voluto aggiornare personaggi e scenografie ad un look più moderno».

Come definiresti il tuo rapporto con la pubblicità?
«Conflittuale».

Perchè?
«Per un regista è un ottimo banco di prova, ma costringe a ritmi estenuanti. Spesso esprime la migliore creatività visiva a livello internazionale (cinema e pubblicità si copiano a vicenda), ma nel contempo veicola, a mio parere, falsi modelli, sui quali mi trovo in disaccordo».

Dopo il Cartoon Forum di Varese come procede il progetto per il cartone animato che avevi presentato?
«Blurt City è un progetto che si rivolge ad un pubblico di teen-agers, il più difficile in assoluto da affrontare. Sono poche le televisioni al mondo che se la sentono di cimentarsi con queste storie, perché è facile sconfinare in argomenti come il sesso, il fumo, il bere, il rapporto conflittuale con i genitori, la violenza, il linguaggio scurrile.
Come è avvenuto con i Simpsons, South Park o Beavis e Butthead occorre qualcuno che rischi in prima persona, dopodiché a successo conclamato anche altri broadcasters comprano e trasmettono. Abbiamo ottimi contatti con produttori francesi e canadesi. Purtroppo i contratti di coproduzione internazionale prevedono una partecipazione della TV del paese originario del progetto, e su questo punto in Italia abbiamo delle difficoltà».

A cosa stai lavorando adesso?
«Nei mesi scorsi ho lavorato a Roma ad una serie a cartoni per bambini, una coproduzione italo-francese. Adesso, dopo Girella, ho in cantiere film di vario genere e durata, che mischiano tecniche come l’animazione 3D al computer alle riprese di modellini. Ho inoltre in fase di montaggio il film con attori che ho girato nel 2003 tra Varese e Milano».

Manuel Sgarella

 

bianco1.gif (833 byte) bianco2.gif (812 byte) bianco3.gif (854 byte)